A New York tetti verdi o fotovoltaico obbligatori per combattere il cambiamento climatico

Laboratorio Metrologico Ternano

A New York tetti verdi o fotovoltaico obbligatori per combattere il cambiamento climatico

13 Giugno 2019 Articoli città sostenibili edifici Edilizia efficienza energetica emissioni CO2 inquinamento urbano new york NZEB sviluppo urbano sostenibile tetti verdi 0

La Grande Mela dovrà diventare una metropoli sempre più ecologica, attenta a ridurre le emissioni inquinanti, a consumare meno energia, a utilizzare fonti rinnovabili al posto dei carburanti fossili.

Questo l’obiettivo del Climate Mobilization Act, il pacchetto legislativo votato nelle scorse settimane dal New York City Council, che comprende una serie di misure piuttosto ambiziose per combattere il cambiamento climatico su scala urbana.

Tra le leggi approvate c’è quella sui “tetti verdi” (green roofs), che prevede, per alcuni tipi di nuove costruzioni e quelle sottoposte a interventi estesi di ristrutturazione, l’obbligo di realizzare coperture “sostenibili” con l’uso di piante/vegetazione, l’installazione di pannelli fotovoltaici o un mix di entrambe le soluzioni (vedi qui).

Ricordiamo che i tetti verdi possono contribuire a stabilizzare il micro-clima locale cittadino, ridurre l’effetto delle “isole di calore” e assorbire le emissioni di anidride carbonica, come avevamo spiegato in questo articolo sull’esperienza maturata nel settore in Alto Adige, più precisamente a Bolzano.

Ma New York non ha pensato solo alle coperture green degli edifici.

Nel pacchetto di norme pro-clima, infatti, troviamo anche, in particolare, quella che punta a tagliare del 40% al 2030 le emissioni di CO2 equivalente degli edifici esistenti con superficie totale superiore a 25.000 piedi quadrati (circa 2.322 metri quadrati), raddoppiando questo valore (-80%) al 2050 attraverso interventi diffusi di efficienza energetica, come l’isolamento termico, la sostituzione degli infissi, l’installazione di pompe di calore e così via.

Questi edifici rappresentano il 5% del parco edilizio newyorkese ma sono responsabili di circa un terzo delle emissioni inquinanti.

Ricordiamo poi che l’ex sindaco di New York, il multimiliardario filantropo Michael Bloomberg, ha appena lanciato una campagna nazionale per promuovere gli investimenti in tecnologie pulite e abbandonare il carbone, con un finanziamento iniziale pari a 500 milioni di dollari.

Powered by WPeMatico

Lascia un commento

Translate »