Quelle lobby a braccetto con la politica contro il taglio delle emissioni

Alessandro Codegoni

QualEnergia.it intervista Vincenzo Ferrara, fisico-climatologo dell’Enea oggi in pensione, sulle prospettive e le attese per la Cop di Parigi. L’esperto, stigmatizzando le incongruenze e le ipocrisie della politica mondiale, punta il dito sulle multinazionali, sui poteri economici, soprattutto del mondo delle fonti fossili. “Le soluzioni ci sono, ma finora si è fatto troppo poco e sempre con grave ritardo”.

Immagine Banner: 

La Cop21 di Parigi  è ormai a soli tre mesi dall’inaugurazione, e si susseguono incontri preparatori, ricerche scientifiche e dichiarazioni di politici e autorità religiose sul tema del cambiamento climatico. Ma nel corso di questi negoziati si riuscirà a mettere sotto controllo il pericoloso riscaldamento del pianeta, o rischia solo di essere l’ennesima delusione o dilazione dal prendere misure decisive?

leggi tutto

Powered by WPeMatico

Lascia una risposta