ETS, un'idea per riformarlo facendo pagare anche i consumatori

carbone-centrale_7

Redazione QualEnergia.it

Da anni l’Europa dibatte sul futuro del sistema ETS. Dalla Germania una nuova proposta: mantenere l’assegnazione di quote gratuite alle industrie “pesanti” e includere i consumatori intermedi nel meccanismo, attraverso una tassa sull’acquisto di materiali ad alta intensità di carbonio, come acciaio e cemento.

Immagine Banner: 

In Europa si continua a discutere su come riformare il sistema EU-ETS (emissions trading scheme dell’UE), il mercato della CO2 che include diversi settori industriali cosiddetti “energivori”, considerati tra i maggiori responsabili delle emissioni nocive.

Contenuto Riservato

Riservato: 
OFF

Contenuto a Pagamento

A Pagamento: 
OFF

leggi tutto

Powered by WPeMatico

Lascia una risposta