Energia: Smart Energy Expo, nuovo schema fiscale per efficienza (2)


(AGI) – Roma, 10 dic. – “L’efficienza energetica deve diventare il criterio guida delle piccole e medie imprese in quanto puo’ rappresentare la chiave principale per ridurre i costi dell’energia nei processi industriali, per assicurare una maggiore competitivita’ dell’industria nazionale e, contestualmente, e’ lo strumento cardine per trasformare la sfida ambientale, definita a livello UE al 2020 e al 2050, in un’opportunita’ di crescita economica ed industriale” ha affermato il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi. “Se solo il 10% di 100.000 utenti potenzialmente interessati prendesse in considerazione questa proposta, a fronte di un costo per il sistema compreso tra 20 e 35 milioni di euro l’anno, si potrebbe generare un risparmio compreso tra 100 e 200 milioni di euro a seconda del livello di efficienza raggiunto” – ha precisato Federico Testa, Direttore del Dipartimento di Economia Aziendale dell’Universita’ di Verona e Presidente del Comitato Scientifico di Smart Energy Expo. “E’ necessario un aumento della trasparenza della bolletta nel rispetto dell’utente finale e della selettivita’ nei processi di incentivazione. E’ uno stimolo su cui siamo chiamati a riflettere, trovando nella disciplina dei sistemi efficienti di utenza il giusto equilibrio tra efficienza allocativa e sostenibilita’ ambientale” ha affermato Guido Bortoni, presidente dell’Autorita’ per l’Energia Elettrica e il Gas. (AGI) Ing

Powered by WPeMatico

Lascia una risposta