Energia: Free, Green act sia cambio di marcia


(AGI) – Roma, 19 mar. – “In vista della conferenza sul clima di Parigi molti governi stanno definendo obiettivi ambiziosi, delineando strategie innovative, dagli Usa alla Cina, dall’India alla Danimarca. Il nostro paese non puo’ rimanere in seconda fila nell’inesorabile processo di decarbonizzazione dell’economia. Occorre che il governo Renzi stimoli un salto di qualita’ alle politiche energetiche, industriali, dell’edilizia, dell’agricoltura in coerenza con la gravita’ della sfida ambientale ed economica”. Lo dichiara Gianni Silvestrini, presidente del Coordinamento Free, che raggruppa oltre 30 associazioni delle fonti rinnovabili e dell’efficenza energetica. “Diversi risultati significativi – aggiunge – sono stati gia’ raggiunti, si pensi al 43% della produzione elettrica da rinnovabili. Quello che serve e’ rafforzare i trend in atto e far decollare nuovi comparti con misure anticicliche in grado di dare occupazione. Il coordinamento Free che raggruppa 30 associazioni delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica, oggi a Roma in Campidoglio presenta le proprie proposte per dare sostanza al Green Act annunciato da Renzi. L’auspicio e’ che questo provvedimento rappresenti un deciso cambio di marcia, allinenando le politiche del nostro paese a quelle piu’ avanzate emerse in molti paesi”. (AGI) Red/Pit

Powered by WPeMatico

Lascia una risposta