ENERGIA: APER, NO A ESCLUSIONE POMPE DI CALORE DA DETRAZIONE 55% (2)


(AGI) – Roma, 4 giu. – “Al fine di non bloccare lo sviluppo di tale innovativo segmento, sarebbe piu’ corretto mantenere, com’e’ stato finora, la non cumulabilita’ dei due regimi e lasciare la scelta al mercato, in funzione delle diverse e possibili configurazioni tecniche”, proseguono Assoelettrica e Aper, le quali “auspicano un ripensamento in sede di approvazione parlamentare poiche’ ritengono che ogni meccanismo che favorisce un utilizzo intelligente dell’energia sia da incoraggiare”. “La diffusione delle pompe di calore, delle auto elettriche, delle piastre a induzione rappresenta un’opportunita’ anche per sostenere la ricerca, la produzione industriale e l’occupazione nel nostro Paese, oltre a contribuire, attraverso un minor inquinamento, al miglioramento della qualita’ dell’aria e dell’ambiente nei centri urbani”, conclude la nota, “Non a caso, la stessa Commissione Europea prevede, nell’Energy Roadmap al 2050, che l’elettricita’ diventi la forma di energia maggiormente diffusa”. (AGI) Rme/Pit

Powered by WPeMatico

Lascia una risposta