Clima: Descalzi su Osservatore,agire subito per futuro low carbon (3)


(AGI) – CdV, 10 giu. – “Anche per questo – scrive l’Ad di Eni – abbiamo dato vita a una serie di iniziative inedite, all’insegna dell”agire insieme’ a cui ci esorta il Santo Padre. Con alcune altre grandi imprese del settore energetico abbiamo creato la ‘Oil & Gas Climate Initiative’, una coalizione operativa che e’ al lavoro per trovare soluzioni concrete per ridurre le emissioni di co2 e per porre le basi per un futuro dove siano il gas naturale e le rinnovabili ad avere il ruolo trainante”. “Siamo stati – continua Descalzi – tra i primi firmatari del progetto Global Gas Flaring Reduction promosso dalla Banca mondiale, che punta a un traguardo ben preciso: zero routine gas flaring in 2030, cioe’ stop alla combustione del gas in eccesso eliminato dagli impianti di estrazione”.
Nell’articolo, Descalzi definisce infine “una notizia positiva” la crescita delle rinnovabili ma avverte: “Per ridurre le emissioni, in Europa come nel resto del mondo, non possiamo fare affidamento solo sulle rinnovabili. Occorre realismo su questo punto: attualmente solare, eolico e le altre fonti energetiche di questo tipo coprono circa il 10 per cento della domanda globale e tra quarant’anni si prevede che saliranno solo al venti per cento. Per questo serve l’impegno di tutti per definire un percorso che ci proietti verso un futuro low carbon che sia una risposta efficace alle sfide del climate change, senza mortificare le legittime aspirazioni di sviluppo delle economie emergenti. Non va dimenticato che in Africa su circa un miliardo di persone ce ne sono ancora 750 milioni che non hanno l’accesso all’energia che nei Paesi piu’ avanzati viene dato per scontato”. (AGI) Siz

Powered by WPeMatico

Lascia una risposta